Arese, Vuole difendere la donna delle pulizie: il cane dei vigili aggredisce il marito

Stampa Home
Articolo pubblicato il 19/05/2017 alle ore 09:38.
Arese, Vuole difendere la donna delle pulizie: il cane dei vigili aggredisce il marito
Arese, Vuole difendere la donna delle pulizie: il cane dei vigili aggredisce il marito

ARESE - Per «difendere» la donna delle pulizie, aggredisce il marito di lei. L’incidente è avvenuto al comando di Polizia Locale di via Madre Teresa di Calcutta, verso le 18.30 di mercoledì 17 maggio. La signora Lina Napolitano stava facendo le pulizie nei locali del comando mentre Jack - il cane di proprietà dell’istituto di vigilanza privata Al Security, affidato ai vigili di Arese - era in giardino. Si divertiva a lanciare le palline in strada per farsele raccogliere dal signor Felice Spampanato, marito della donna che la stava aspettando al cancello, in attesa della fine del lavoro.

Poi la situazione inspiegabilmente precipita: mentre la donna si sta avvicinando al marito, Jack - forse pensando che la signora Lina fosse in pericolo - inizia a mordere l’uomo: dapprima lo aggredisce ad una caviglia, quindi lo azzanna al braccio. La donna, che conosce bene il pastore tedesco, cerca inutilmente di liberare il marito. Nel frattempo arrivano anche due vigili, ancora in comando in attesa della fine del turno, che cercano in tutti i modi di allontanare Jack dal signor Felice e, alla fine, sono costretti anche ad usare il bastone.

Quasi per miracolo l’uomo riesce ad uscire dal cancello, mettendosi in salvo. Nel frattempo sul posto giunge l’elisoccorso di Niguarda ed un’ambulanza del 118, per prestare le prime cure al 67enne. Jack viene allontanato e rinchiuso nel suo recinto mentre la coppia viene portata al pronto soccorso dell'ospedale di Garbagnate Milanese: Felice ha riportato ferite da morso di animali agli arti superiori e al torace; dopo le cure mediche è stato dimesso con una prognosi di 15 giorni, la moglie, invece, di 65 anni, ha riportato solo alcuni graffi alla mano e viene dimessa con nove giorni di prognosi.

Al comando di Polizia Locale sono giunti immediatamente anche i carabinieri della stazione di Arese che stanno ancora indagando per accertare la dinamica dell'accaduto e capire cosa possa essere scattato nella mente del pastore tedesco. Nel mentre è arrivato anche un uomo dell’istituto di vigilanza privata Al Security che ha portato via Jack. Così da mercoledì 17 maggio del pastore tedesco al comando non c’è più traccia. 

Territori

Politica