Castano Primo, omicidio Mannina: ergastolo per lo zio del killer

La sentenza della Corte d'appello è arrivata nel pomeriggio di mercoledì 19 prile

Stampa Home
Articolo pubblicato il 19/04/2017 alle ore 17:36.
Castano Primo, omicidio Mannina: ergastolo per lo zio del killer 4
Castano Primo, omicidio Mannina: ergastolo per lo zio del killer 4

CASTANO PRIMO - Dopo 3 anni la famiglia di Silvio Mannina, ucciso a Rimini il 28 febbraio 2014 insieme alla sua ex compagna Lidia Nusdorfi, ha avuto giustizia. Il processo d'appello a Bologna si è infatti concluso mercoledì 19 aprile con un'importante sentenza nei confronti dello zio del killer Dritan Demiraj, Sadik Dine, che durante il primo grado svoltosi a Rimini era stato condannato a 5 anni per occultamento di cadavere. Nel secondo grado, invece, il giudice ha riconosciuto a Sadik Dine anche gli altri reati, come richiesto dall'avvocato della famiglia Mannina, Alessandro Buzzoni, e dal procuratore generale. Allo zio del killer è stata così comminato l'ergastolo con sei mesi di isolamento diurno e dovrebbe essere arrestato nelle prossime 24 ore.
Confermata la condanna a 30 anni per Monica Sanchi, l'ex findanzata di Dritan Demiraj; mentre resta sospeso fino a ottobre il procediemnto a carico dello stesso killer, in fin di vita dopo l'aggressione nel carcere di Parma a circa un mese dalla sentenza di primo grado, che lo aveva condannato all'ergastolo.

SERVIZIO COMPLETO SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI' 21 APRILE.

Tags: castano primo,omicidio mannina,ergastolo,processo d`appello

Territori

Politica