Mercoledì 7 giugno, alle 21, nella Sala delle vetrate della Famiglia legnanese

Legnano, con Ornella Ferrario si parla di Post Expo e Human technopole

Interverranno Luciano Pilotti, docente di International management all'Università degli studi di Milano, e Franco D'Alfonso, consigliere delegato alla Città metropolitana di Milano

Stampa Home
Articolo pubblicato il 06/06/2017 alle ore 15:51.
Ornella Ferrario
Ornella Ferrario

LEGNANO - Mercoledì 7 giugno, alle 21, la Sala delle vetrate della Famiglia legnanese, in viale Giacomo Matteotti 3, ospiterà l’evento "Post Expo - Human tehnopole Sviluppo metropolitano e politiche dell’Alto Milanese per la crescita, tra inclusione, ricerca e innovazione sociale". L'incontro, promosso da Legnano al centro e da Movimento X Legnano, vedrà l'intervento in qualità di relatori, oltre che del candidato sindaco Ornella Ferrario, di Luciano Pilotti, docente di International management all'Università degli studi di Milano, e di Franco D'Alfonso, consigliere delegato alla Città metropolitana di Milano.
"Human technopole è il progetto di riconversione dell’area ex Expo entrato ormai in fase operativa - spiegano i promotori della serata -. Entro fine anno arriveranno i primi 83 ricercatori nell’ex Palazzo Italia, entro giugno 2018 i metri quadrati a disposizione saranno 1.300 per una capienza di 239 persone. Quindi a dicembre 2018 e giugno 2019 gli ulteriori step, fino ad arrivare a 366 persone all’opera su 3.300 metri quadrati fruibili. L’ultimo tassello è calendarizzato per il 2024, quando lo Human technopole sarà a regime con i suoi 1.500 ricercatori finali e 35mila metri quadrati di locali e spazi a disposizione, compreso un orto-giardino.
Per lo sviluppo dell’area si parla anche del trasferimento in loco delle facoltà scientifiche dell'Università Statale di Milano: un investimento da oltre 350 milioni di euro.
Il tutto avverrà a circa 12 minuti di treno da Legnano. La nostra città - insieme a tutta l’area omogenea dell’Alto Milanese - è pronta a cogliere questa opportunità, che andrà ad arricchire il territorio?". 

Territori

Cronaca

Cultura

Sanità